Teatro Toniolo: dal 21 al 25 novembre sul palco sale Miss Marple, giochi di prestigio con Maria Amelia Monti come protagonista

immagine
 

Teatro Toniolo: dal 21 al 25 novembre sul palco sale Miss Marple, giochi di prestigio con Maria Amelia Monti come protagonista

09/11/2018

Secondo spettacolo della stagione di prosa 2018.19 del Teatro Toniolo: dal 21 al 25 novembre va in scena Miss Marple, giochi di prestigio.

La più famosa detective di Agatha Christie sale per la prima volta su un palcoscenico con la simpatia di Maria Amelia Monti, affiancata da Roberto Citran e Sabrina Scuccimarra, adattamento teatrale di Edoardo Erba tratto dall’omonimo romanzo della grande scrittrice e drammaturga britannica, per la regia di Pierpaolo Sepe.

La vicenda che viene narrata a Mestre è ambientata nell'Inghilterra degli anni Quaranta. Miss Marple (Maria Amelia Monti) è andata a trovare l'amica Caroline (Sabrina Scuccimarra) che vive in campagna con la famiglia, composta dal terzo marito Lewis (Roberto Citran) e i figli e figliastri nati da diversi matrimoni: Gina (Giulia De Luca), Mildred (Laura Serena), Alex e Christian (entrambi interpretati da Sebastiano Bottari). Inoltre Gina è sposata con l'americano Wally (Marco Celli). Lewis è un filantropo impegnato nella rieducazione di alcuni giovani dal passato difficile, tra cui Edgar (Stefano Guerrieri). I già difficili rapporti familiari sono sconvolti da un misterioso omicidio. Un delitto apparentemente inspiegabile, che solo l'acuta miss Marple sarà in grado di risolvere. La miss Marple nella versione di Maria Amelia Monti è solo apparentemente un'anziana signora di campagna un po' buffa.

Con arguzia e ironia, la protagonista è infatti capace di mettere in risalto le contraddizioni e i lati oscuri dei diversi personaggi, senza lasciarsi incantare dalle apparenze. Sul palco il giallo si mescola al tono della commedia, e il risultato è uno spettacolo piacevole che riesce a catturare l'attenzione dello spettatore nonostante gli intricati rapporti che legano tra loro i personaggi.

Intelligente la scelta del regista e della protagonista Maria Amelia Monti che hanno proposto, per evitare inutili paragoni, una miss Marple diversa da quella nata dalla penna di Agatha Christie e diversa anche dall’iconografia data dalle diverse interpreti cinematografiche e televisive, rendendoci un personaggio arguto ma decisamente comico come nello stile dell’attrice, che centra in pieno il bersaglio. La scenografia di Luigi Ferrigno rende giustizia al romanzo e non tradisce lo stile della regina del giallo: la scena a due piani è semplice ma efficace, arredata come un tipico salotto d’epoca con divani in pelle e un pianoforte, mentre la disadorna parte superiore conduce alle camere da letto. I costumi di Alessandro Lai sono quelli tipici dell’abbigliamento informale della campagna inglese.

 

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top