Il consigliere delegato Battistella e la presidente Pea all'M9 alla presentazione della manifestazione "Cultura e creatività: spinta innovativa e sviluppo locale"

Giorgia Pea e Luca Battistella
 

Il consigliere delegato Battistella e la presidente Pea all'M9 alla presentazione della manifestazione "Cultura e creatività: spinta innovativa e sviluppo locale"

05/12/2018

Il consigliere delegato all'Innovazione e alla Smart City, Luca Battistella, e la presidente della Commissione Cultura, Giorgia Pea, hanno partecipato questa sera nel chiostro del polo tecnologico M9 di Mestre alla conferenza stampa di presentazione della due giorni di incontri ed eventi intitolata "Cultura e creatività: spinta innovativa e sviluppo locale" che si terrà a Venezia il 6 e 7 dicembre nella Scuola Grande San Giovanni Evangelista.

All'incontro con i giornalisti sono intervenuti tra gli altri il presidente della Fondazione di Venezia, Giampietro Brunello, il segretario generale dell’Ocse, Angel Gurria, e il vicedirettore generale Unesco, Xing Qu, che hanno sottolinato l'importanza di M9 soprattutto per le nuove generazioni, veicolando, anche attraverso l'architettura della nuova realtà mestrina, un messaggio di inclusività, sviluppo e sostenibilità ambientale.

"L'importanza del progetto M9 si apprezza prima di tutto nel suo aspetto urbanistico - ha dichiarato il consigliere delegato Battistella - il polo si colloca infatti proprio nel cuore pulsante della città. E' stato costruito in modo da essere permeabile da tutti i suoi fronti, e quindi è inclusivo. Questi erano gli obiettivi principali: l'inclusività e la sostenibilità, e sono stati raggiunti. Ma l'edificio - ha continuato Battistella - lancia una sfida che va al di là dell'utilizzo delle tecnologie più avanzate. Si guarda anche all'utilizzo dei dati, i famosi 'open data' di cui tanto si parla. Sono i lingotti d'oro del presente e del futuro. Qui c'è un crogiolo di dati analizzati in modo coinvolgente grazie a un'atmosfera che sarà in grado di attrarre grandi platee. Questo è un luogo che deve diventare un generatore di cultura e creatività - ha concluso il consigliere delegato - con una forza costituita soprattutto dal coinvolgimento dei bambini".

La kermesse che avrà luogo il 6 e 7 dicembre in laguna vedrà l'intervento di oltre 400 personalità di livello del mondo dell'economia, della politica e della cultura. E' stata organizzata dall'Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico) e vede il Comune di Venezia, l'Unesco e la Commissione europea tra i partner principali. Saranno 5 le sessioni plenarie di lavoro, cui si aggiungeranno alcuni incontri paralleli sempre con relatori di alto profilo. Tra gli altri saranno presenti, oltre al sindaco Luigi Brugnaro, il segretario generale dell'Ocse, Ángel Gurría; il commissario europeo all’Educazione, ai giovani, allo sport e alla cultura, Tibor Navracsics; il vicedirettore generale dell’Unesco, Xing Qu; il direttore generale di Icomm, Peter Keller; il capo del Dipartimento per gli Affari culturali della città di Los Angeles, Danielle Brazell; il responsabile del dipartimento Arti e Società del British Council, Stephen Stenning; il ministro dell'Economia, Giovanni Tria.

 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top