La programmazione dal 6 al 12 maggio

Condividi
Rifkin's festival
 

La programmazione dal 6 al 12 maggio

06/05/2021

Nuovi arrivi e proseguimenti nelle sale di Circuito Cinema Venezia: due spettacoli al giorno e, sabato e domenica, anche una proiezione mattutina dei film in programma.

Nuovi arrivi

 Arriva al Rossini, da giovedì 6 maggio, Rifkin’s Festival, il nuovo film di Woody Allen. Mort Rifkin è un ex professore e un fanatico di cinema sposato con Sue, addetta stampa nel settore. Il loro viaggio al Festival del cinema di San Sebastian, in Spagna, è turbato dal sospetto che il rapporto di Sue con il giovane regista suo cliente, Philippe, oltrepassi la sfera professionale. Per Mort il viaggio è anche un’occasione per superare il blocco che gli impedisce di scrivere il suo primo romanzo e per riflettere profondamente. Osservando la propria vita attraverso il prisma dei grandi capolavori cinematografici a cui è legato, Mort scopre una rinnovata speranza per il futuro. Sabato e domenica matinée alle ore 11. Proiezioni anche in versione originale con sottotitoli italiani: 7, 8 e 11 maggio.

Altra novità, al Dante sempre da giovedì 6 maggio, è Due di Filippo Meneghetti. Nina e Madeleine abitano nello stesso palazzo, uniche inquiline all’ultimo piano dell’edificio e, da diversi decenni, vivono in gran segreto una passionale storia d’amore. Nessuno sa che si amano e il pianerottolo che le divide è stato trasformato in un’area comune, che unisce i due appartamenti e le loro vite. Le porte delle loro abitazioni sono sempre aperte e Nina e Madeleine si muovono in piena libertà da una casa all’altra. Ma un giorno un vento inaspettato porta Anne, figlia di Madeleine, a scoprire la verità. Di colpo quel segreto, celato così bene nel corso degli anni, è alla luce del sole e la sua rivelazione mette a dura prova la loro relazione. Sabato e domenica matinée alle ore 10.

 

Proseguimenti

Prosegue al Rossini Nomadland di Chloé Zhao, con Frances McDormand; film che ha trionfato alla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2020 e agli Oscar del 2021 vincendo la statuetta per miglior regia, miglior film e miglior attrice protagonista. Empire, stato del Nevada. Nel 1988 la fabbrica presso cui Fern e suo marito Bo hanno lavorato tutta la vita ha chiuso i battenti, lasciando i dipendenti letteralmente per strada. Anche Bo se ne è andato, dopo una lunga malattia, e ora il mondo di Fern si divide fra un garage in cui sono rinchiuse tutte le cose del marito e un van che la donna ha riempito di quello che ha ancora per lei un significato. Vive di lavoretti saltuari, non ha l’età per riciclarsi in un Paese in crisi e si sposta di posteggio in posteggio cercando di tenere insieme il puzzle scomposto della propria vita. Sabato e domenica matinée alle ore 10. Proiezioni anche in versione originale con sottotitoli italiani: 6, 8 e 12 maggio.

Si sposta al Rossini, da giovedì 6 maggio, In the Mood for Love di Wong Kar-wai. Hong Kong, 1962. I coniugi Chow e i coniugi Chan si trasferiscono lo stesso giorno in due appartamenti contigui. Sono il signor Chow e la signora Chan a rientrare più di frequente a casa ed è così che nel giro di breve tempo scoprono che i rispettivi consorti sono amanti. La volontà di comprendere le ragioni del tradimento subito li porterà a frequentarsi sempre più spesso e a condividere le sensazioni provate. Dopo 20 anni torna nelle sale un melodramma intenso e raffinatissimo che ha davvero fatto epoca. Non tanto una love story, come spiega lo stesso Wong Kar Wai, quanto «l’analisi dei possibili sviluppi di una vicenda sentimentale». Sabato e domenica matinée alle ore 10.30. Proiezioni anche in versione originale con sottotitoli italiani: 7, 8 e 11 maggio.

 

L’accesso ai cinema di Circuito Cinema avviene seguendo le linee guida della normativa vigente: è consentito mantenendo il distanziamento fisico tra le persone fino al raggiungimento di un numero massimo di spettatori proporzionato alla capienza della sala. Agli spettatori verrà rilevata la temperatura corporea all’ingresso; il cinema sarà dotato di apposita segnaletica per consentire il rispetto delle distanze e per individuare i punti di ingresso e di uscita dalla sala. Agli spettatori sarà richiesto un contatto telefonico per favorire il contact tracing, tutti gli spettatori sono invitati a recarsi al cinema con congruo anticipo rispetto all’inizio degli spettacoli, per facilitare l’ingresso ed evitare assembramenti. L’utilizzo della mascherina è necessario per tutta la durata della permanenza all’interno della struttura.

 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top