Stop ai "figuranti in costume" e alla raccolta di firme e fondi in forma itinerante a Venezia: il sindaco emana due ordinanze di divieto, a tutela del decoro e della sicurezza in città

 

Stop ai "figuranti in costume" e alla raccolta di firme e fondi in forma itinerante a Venezia: il sindaco emana due ordinanze di divieto, a tutela del decoro e della sicurezza in città

07/12/2017

 

Continua l’operazione di tutela del decoro e di contrasto del degrado messa in atto dall’Amministrazione comunale: il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha firmato le ordinanze 851 e 852 che vietano sia l’attività di “figurante in costume” che l’attività di raccolta firme e fondi in forma itinerante nella Città antica. Decisioni prese dopo un’ attenta analisi dei due fenomeni, congiunta con tutte le Forze dell'Ordine, che dimostrano di avere importanti ripercussioni a livello di gestione dei flussi pedonali nella città storica.

“Un ulteriore segno di attenzione verso la Città di Venezia per contrastare gravi ripercussioni alla vita dei cittadini e dei visitatori. Con queste due ordinanze – commenta il sindaco Luigi Brugnaro – andiamo a vietare un malcostume in un territorio, come il nostro, dove è massiccia la presenza di turisti. Basta quindi con la raccolta di firme e soldi da parte di sedicenti associazioni che stazionano lungo le calli senza permessi e soprattutto basta con l’indecoroso spettacolo di mascheranti, che nulla hanno a che fare con la storica tradizione culturale veneziana, che spesso diventano reale minaccia nei confronti dei passanti e dei malcapitati turisti. Attività che, spesso, nascondono veri e propri racket. Entrambe le Ordinanze sono state pubblicate all’Albo Pretorio del Comune di Venezia ed avranno validità per 120 giorni. ”

É emerso infatti come, nelle aree maggiormente interessate dai flussi turistici, ci sia la costante presenza di soggetti, appartenenti a strane “associazioni”, dedite alla raccolta di firme, di solito contro la droga, e alla raccolta di fondi per finanziare l’attività delle organizzazioni stesse. Un fenomeno che, purtroppo, da anni si presenta in tantissime città italiane, ma che a Venezia crea intralcio alla circolazione pedonale soprattutto quando questa raccolta, itinerante per la Città, staziona in ambiti ristretti come le calli o i punti di intenso passaggio turistico. Per questo motivo e, proprio con l’avvicinarsi delle Festività natalizie e del Carnevale, si è stabilito di vietare l’attività di raccolta firme e fondi per evidenti ragioni di tutela del decoro e della vivibilità urbana in tutto il territorio del Centro Storico. Un eventuale permesso potrà comunque essere concordato con i responsabili delle organizzazioni impegnate in questo tipo di raccolta firme e fondi, solo se questa sarà svolta in luoghi e in orari predefiniti e precedentemente autorizzati, attraverso l’ottenimento della concessione comunale per l’occupazione temporanea del suolo pubblico. Non ci sarà più la raccolta “selvaggia".

Tutela del decoro della città che fa da fondamento anche all’altra ordinanza firmata dal sindaco che in questo caso vieta nella Città antica di Venezia, compreso piazzale Roma e isola Nuova del Tronchetto, l’attività di “figurante in costume” mediante l’utilizzo di maschere ed altri costumi non riconducibili alla tradizione storica, culturale e carnevalesca della Città. Persone che, dedite a farsi fotografare o filmare, attirano l’attenzione di turisti di passaggio con l’obiettivo di raccogliere denaro in forma di offerta, a volte, in modo insistente e minaccioso.

"Continua la nostra azione per ridurre le forme di degrado in città - conclude il sindaco - un pressing continuo per garantire alla cittadinanza la piena fruibilità e vivibilità del territorio, assicurando decoro e sicurezza."

 

I contenuti dei due provvedimenti saranno poi recepiti nel nuovo Regolamento Comunale di Polizia Urbana che è in corso di aggiornamento.

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top