Il patriarca Moraglia e l'assessore Venturini in visita all’Antica Scuola dei Battuti a Mestre

Assessore Venturini e patriarca Moraglia
 

Il patriarca Moraglia e l'assessore Venturini in visita all’Antica Scuola dei Battuti a Mestre

14/12/2017

L'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, ha accompagnato questa mattina il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, in visita all'Antica Scuola dei Battuti di Mestre. Ad accoglierli la presidente dell'Ipab Antica Scuola dei Battuti, Laura Besio, il vicepresidente Filippo Battistelli, i componenti del Consiglio di Amministrazione Federica Zago, Giampaolo Benato e Teodoro Marolo, i numerosi anziani ospiti della struttura e dei centri diurni, gli operatori sanitari, il personale amministrativo, e i volontari delle varie associazioni che collaborano con la Scuola.

“In tutte le stagioni della vita – ha esordito il patriarca rivolgendosi agli anziani – ci sono luci e ombre. Il segreto della felicità è accettare di vivere il momento presente, facendosi dono per l'altro. Se vivremo il Natale cercando di rendere felice chi ci sta vicino con un sorriso, con una parola buona, potremo far brillare le luci e illuminare le ombre”. Il patriarca ha poi ringraziato tutti coloro che, a vario titolo, operano nella struttura, invitandoli a fare del loro meglio per poter offrire a chi si trova in una fase delicata della vita un clima il più possibile familiare.

“Con questa visita – ha sottolineato Venturini nel ringraziare l'alto prelato – il patriarca ci ha fatto un grande regalo perché ha dimostrato ancora una volta che questo non è un mondo a sé stante, ma un pezzo vivo della città. Ringrazio di cuore tutte le persone che operano qui ogni giorno, con pazienza e dedizione”.

“L'Amministrazione comunale – ha poi ricordato Venturini – sta facendo squadra con le Ipab, le case di riposo pubbliche come l'Ire e l'Antica Scuola dei Battuti, che a Venezia rappresentano realtà importanti per far fronte ad un momento di grande difficoltà dovuto al fatto che non stanno aumentando le impegnative di cura residenziale. Cresce invece il numero di richieste da parte di anziani o delle loro famiglie di poter accedere a strutture pubbliche dove poter essere accuditi, richieste che non sempre possono essere soddisfatte perché non ci sono fondi regionali sufficienti. Stiamo proseguendo il lavoro con le Ipab per non aumentare le rette e per creare strutture più flessibili e leggere che possano essere di supporto alle famiglie con anziani. Penso ad esempio all'apertura sperimentale del Centro diurno Alzheimer qui all'Antica Scuola, attivo dal mese di ottobre, che sta dando importanti frutti o ad altre iniziative come il rafforzamento dell'assistenza domiciliare integrata per la quale sono stati stanziati fondi maggiori rispetto al passato”.

Dopo l'incontro con gli anziani nella sede storica, nel padiglione Turazza e nella Residenza Giardino, la mattinata si è conclusa al teatro Mabilia dell'Antica Scuola con la visita alla mostra “L'archivio disvelato”, che espone documenti provenienti dall’archivio storico dell’Ente.

Venezia, 14 dicembre 2017

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top