Nella notte di Pasqua la Polizia locale ferma un ciclomotore a luci spente: il conducente risulta positivo all'alcoltest

polizia municipale
 

Nella notte di Pasqua la Polizia locale ferma un ciclomotore a luci spente: il conducente risulta positivo all'alcoltest

21/04/2017
Un lungo inseguimento in piena notte ha visto protagonisti la domenica di Pasqua in zona Terraglio a Mestre, alcuni agenti del Reparto motorizzato della Sicurezza stradale della Polizia municipale e un ventiduenne mestrino in sella a un motorino che nonostante l'alt intimato dagli vigili ha continuato la sua corsa sfrenata, in violazione a numerose norme del codice della strada. Erano quasi le tre della mattina di domenica 16 aprile, quando una pattuglia impegnata in servizi volti alla regolarità e alla sicurezza stradale, in occasione delle festività pasquali, percorrendo il Terraglio, all'altezza del Cavalcaferrovia della Favorita ha notato un ciclomotore “Ciao”, che transitava a luci spente. Il conducente, alla vista degli agenti, ha accelerato l'andatura, andando ad immettersi in via Bacchion in direzione di Zelarino, ma senza arrestarsi alla confluenza seppure la segnaletica imponesse l'arresto allo “stop” oltre all'obbligo, disatteso, di concedere la precedenza ad un'autovettura che stava transitando in quell'istante. Raggiunto all'altezza del distributore di via Bacchion, ignorando l'ordine di fermarsi il giovane si è dato alla fuga imboccando le tortuose vie Marsala e dei Mille per mettere in difficoltà gli agenti ed è riuscito a dileguarsi.

Con l'ausilio di una seconda pattuglia, inviata dalla centrale operativa, gli agenti, infine sono riusciti a fermare il ciclomotore in via dei Mille. Il conducente, M. N., residente nei paraggi, è stato sottoposto all'accertamento dell'alcolemia a cui è risultato positivo in quantità superiore a 0,8 g/l. Il ragazzo è stato sanzionato e denunciato all'Autorità giudiziaria, gli è stato sospeso il patentino e decurtati numerosi punti. Il ciclomotore è stato sequestrato ai fini della successiva confisca.
Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top