La direttrice europea di C40Cities López Ventura in città L'assessore De Martin: “Venezia in prima linea per la mitigazione dei cambiamenti climatici”

sopralluogo
 

La direttrice europea di C40Cities López Ventura in città L'assessore De Martin: “Venezia in prima linea per la mitigazione dei cambiamenti climatici”

24/02/2017
Una visita di due giorni per vedere in prima persona la Venezia meno conosciuta, quella lontana dai grandi flussi turistici, ma importante per far conoscere l'impegno di un territorio che lavora per la mitigazione dei cambiamenti climatici. L’assessore comunale all’Urbanistica e all’Ambiente, Massimiliano De Martin, ha accolto a Venezia Júlia López Ventura, direttrice europea della rete C40Cities, di cui Venezia è membro e composta da città che stanno affrontando i cambiamenti climatici con buone pratiche e iniziative di adattamento. Il programma ha previsto, tra ieri e oggi, sopralluoghi sia nella città lagunare che della terraferma, in modo illustrare alla direttrice López Ventura la complessità e l'estensione del territorio veneziano e le varie misure di mitigazione messe in atto: dal sistema di raccolta differenziata che nel centro storico ha portato in pochi mesi a raddoppiare la percentuale di raccolta differenziata, alle politiche sulle energie alternative, dalla sostenibilità delle politiche ambientali, alla promozione del turismo diffuso. In particolare oggi l’assessore De Martin, la direttrice López Ventura e, per il Comune di Venezia, Cristiana Scarpa delle Valutazioni ambientali e Paolo Ortelli delle Relazioni Internazionali, hanno visitato l'arsenale, Sant'Erasmo, Vignole, Sant'Andrea, la Certosa, alle bocche di porto per vedere le barriere del Mose e il Centro previsioni e segnalazione Maree. Ieri invece la visita si era concentrata sulle aree verdi della Terraferma: Parco di San Giuliano, Bosco Ottolenghi, Forte Carpenedo, Forte Marghera. “La visita , frutto dei rapporti intrapresi durante il C40 Mayors Summit a Città del Messico lo scorso dicembre - ha spiegato l’assessore De Martin - ha lo scopo di far conoscere e discutere le misure di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici che stiamo adottando qui a Venezia in modo da poter condividere queste ‘buone pratiche’ con le altre città che stanno affrontando cambiamenti simili e per ricevere proposte e indicazioni da adottare nei prossimi anni, sempre grazie al coinvolgimento delle rete C40. In questa direzione un grande passo avanti per la nostra città è stato fatto grazie all’accordo tra il sindaco Brugnaro e l’ex premier Matteo Renzi, per lo stanziamento di 457 milioni di euro, di cui 45 verranno impiegati per lo scavo dei rii e dei canali, opere indispensabili per la manutenzione della laguna. Un altro tassello fondamentale è stato la firma del protocollo d'intesa per il completamento dei 3,5 chilometri di marginamenti delle macroisole del S.I.N. di Porto Marghera”. Soddisfazione per i risultati dell'incontro è stata espressa anche dalla direttrice europea della rete C40 Cities, Júlia López Ventura, che ha dichiarato: “la nostra organizzazione riunisce le megalopoli più importanti del mondo, per discutere di cambiamenti climatici e di azioni per limitarne l’impatto e gli effetti sulla qualità della vita urbana, fra cui anche interventi per un’agricoltura urbana sostenibile, in grado di assicurare alle grandi città del futuro il miglior benessere in condizioni di equilibrio ambientale. Grazie a questa visita ho veramente realizzato perché Venezia possa avere un ruolo leader nel proporre soluzioni di adattamento all'ambiente grazie al suo rapporto privilegiato con il mare e la laguna, nonostante non sia una megalopoli”. Particolare interesse ha suscitato il Mose del quale la direttrice ha detto: “E' un'opera d'ingegneria fantastica”.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top