L’assessore Paola Mar alla presentazione di Art’s Connection 2017

L'assessore Paola Mar presenta Art's Connection
 

L’assessore Paola Mar alla presentazione di Art’s Connection 2017

19/05/2017
Arte, libri, teatro, design, musica e sfilate si fondono con l’artigianato vetrario dal 20 maggio al 4 giugno. Questo è Art’s Connection 2017, il festival che sostiene la rinascita del vetro di Murano attraverso la cultura, presentato stamattina a Ca’ Farsetti in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato l’assessore al Turismo Paola Mar, Chiara Squarcina, responsabile del Museo del Vetro di Murano, e Lisette Caputo dell’Associazione Lillyth. Sedici giorni in sei luoghi (Museo del Vetro, Museo Ebraico, Museo di Palazzo Grimani, Ghimel Garden Art Space, Ausonia Hungaria Hotel Art Space, Belmond Cipriani Granai Market Space) tra eventi e rappresentazioni, con il coinvolgimento di oltre cinquanta artisti, artigiani, scrittori e musicisti sotto la direzione artistica di Lisette Caputo. “Il vetro di Murano, ha esordito l’assessore Mar, rappresenta un simbolo indiscusso della nostra città nel mondo. Nel caso di questa importante iniziativa, giunta quest’anno alla sua quinta edizione, la tradizione millenaria del vetro si sposa con le altre espressioni artistiche che a Venezia, da sempre, hanno trovato palcoscenico: il teatro, i libri, l’artigianato e l’arte nel suo senso più esteso. Un ringraziamento da parte dell’Amministrazione e mio personale ai più di cinquanta artisti che animeranno queste due settimane di fine primavera. Un motivo di orgoglio delle eccellenze veneziane e attrattivo per i cittadini e i turisti presenti in città. Dalle numerose iniziative, ma anche dal coinvolgimento di moltissime associazioni, ha concluso Paola Mar, si conferma come Venezia supporti il tessuto artigianale che è il cuore pulsante della vera città e che ancora una volta ha risposto con entusiasmo mettendo a disposizione luoghi e saperi dalla lunga e suggestiva storia.” Chiara Squarcina, responsabile del Museo del Vetro di Murano, ha ricordato come anche quest’anno la Fondazione Musei Civici Veneziani è impegnata a concedere il giardino del museo. “Quando si parla di vetro, è nostro compito essere in prima linea. Perché promuovere il vetro di Murano, in tutti i suoi vari aspetti e declinazioni, è anche un nostro dovere”, ha concluso Squarcina. Lisette Caputo, illustrando il programma artistico, ha ricordato che il festival è stato realizzato grazie alla collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Comune di Venezia, della Fondazione Musei Civici di Venezia e del Museo Ebraico. E che nei cinque anni della sua esistenza, ha coinvolto più di duecento artisti, partecipando anche alla Biennale Cinema del 2014. “Il vetro di Murano rappresenta una tradizione millenaria e Art’s Connection, ha affermato Caputo, si pone l’obiettivo di celebrarlo attraverso la cultura e le manifestazioni artistiche collegate dal fil rouge della creatività”. Ringraziando per l’appoggio la Fondazione Musei Civici di Venezia che ha reso disponibile il Museo del Vetro, come avvenuto in passato, e il MIBACT che ha messo a disposizione il Museo di Palazzo Grimani, Caputo ha ricordato che il palazzo sarà sede dei tre giorni di Book’s Connection: Books, Poetry, Dance & Video Documentary. Art’s Connection è il risultato dell’impegno di un gruppo di associazioni e di numerose realtà imprenditoriali attive nel territorio veneziano, che hanno creato una straordinaria sinergia quale testimonianza concreta della capacità di “fare rete”, costituendo una reale e vivace “connessione” tra questo mondo e le istituzioni. Venezia, 19 maggio 2017


Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top