Il sindaco Brugnaro firma a Milano con i ministri Pinotti, Delrio e Franceschini il protocollo per la razionalizzazione e la valorizzazione di immobili militari presenti nel territorio del Comune di Venezia

Copertina del protocollo firmato a Milano
 

Il sindaco Brugnaro firma a Milano con i ministri Pinotti, Delrio e Franceschini il protocollo per la razionalizzazione e la valorizzazione di immobili militari presenti nel territorio del Comune di Venezia

09/03/2017

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha firmato questa mattina a Milano un protocollo con i Ministeri della Difesa, dei Beni culturali e delle Infrastrutture e con l'Agenzia del Demanio per la razionalizzazione e la valorizzazione di immobili militari presenti nel territorio comunale. L'accordo è stato siglato al termine di un convegno al quale hanno partecipato i ministri della Difesa, Roberta Pinotti, dei Beni culturali, Dario Franceschini, delle Infrastrutture, Graziano Delrio, il direttore del Demanio, Roberto Reggi e l'amministratore delegato di Difesa Servizi Spa, Fausto Recchia.

Il Ministero della Difesa, di comune accordo con l'Agenzia del Demanio, ha avviato da tempo un processo di razionalizzazione, riqualificazione e riuso del patrimonio immobiliare pubblico, nell'ambito del quale rientra anche il progetto di valorizzazione della caserma “G. Miraglia” nell'isola di Sant'Andrea, la caserma Matter sul Terraglio e la caserma Bafile a Malcontenta, che oggi ospita un reggimento dei Lagunari, i fanti da assalto anfibio dell'Esercito italiano.

"I Lagunari - ha commentato il sindaco Brugnaro - nascono a Venezia e con questa operazione vengono rafforzati a Malcontenta dove c'è una caserma operativa altamente efficiente che verrà allargata". 

“Voglio ringraziare il Ministero della Difesa e il Ministero dell'Interno – ha aggiunto il sindaco - per gli aiuti che stanno dando alla nostra città in termini di sicurezza, e gli uomini e le donne delle Forze dell'ordine, Lagunari in primis, che hanno sulla loro divisa il leone di San Marco. Vorrei che con questo accordo le Forze armate si sentissero a casa a Venezia, perché per noi la sicurezza è di straordinaria importanza. La collaborazione si misurerà sempre più su fatti concreti – ha aggiunto il primo cittadino - e il protocollo siglato oggi, che ha visto l'intesa tra Ministeri, Demanio e uffici comunali, ne è un esempio. Il tema vero del futuro sarà la velocità nel raggiungere gli obiettivi prefissati. La politica, se la vogliamo riformare, deve cambiare ritmo: deve essere meno di parte, più concreta e coraggiosa”.

Il sindaco ha inoltre ricordato come questo accordo consentirà di valorizzare i tre immobili militari sul territorio comunale: la caserma “G. Miraglia”, che ha un valore storico artistico e che presenta condizioni eccezionali in termini di infrastrutture e spazi navigabili; la caserma "Matter", che verrà modernizzata e probabilmente utilizzata per uffici e abitazioni; la caserma di Malcontenta che, ampliata ed efficientata, resterà a disposizione del Reggimento dei Lagunari.

Sostegno all'iniziativa è arrivato anche dal ministro Delrio, che dopo aver ribadito l'interesse dello Stato a sostenere il rilancio di Porto Marghera, ha affrontato il tema delle grandi navi spiegando che il suo obiettivo è di "proporre, insieme al sindaco e a tutti i ministri competenti, una soluzione a breve e medio termine che permetta agli operatori turistici mondiali di programmare le crociere senza incertezze. Occorre - ha concluso il ministro - trovare un equilibrio in tutto questo perché intervenire sulla laguna si può, non è affatto intoccabile, ma è anche vero che bisogna intervenire con l'intelligenza, la delicatezza e la prudenza che agli italiani è sempre stata riconosciuta".

Contestualmente alla firma del Protocollo è stato costituito un Tavolo tecnico, composto dai rappresentati delle parti sottoscrittrici, che avrà il compito, tra gli altri, di definire gli elementi tecnici, amministrativi ed economico-finanziari delle iniziative di valorizzazione e rifunzionalizzazione, individuando le linee guida e le procedure più semplificate per le eventuali varianti alla pianificazione urbanistica vigente, e di vigilare sulla corretta e tempestiva attuazione del Protocollo, definendo un puntuale cronoprogramma che disciplini nel dettaglio l’esecuzione delle varie attività. Il Tavolo sarà coordinato dal Comune di Venezia.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top