Da venerdì 21 aprile in funzione i nuovi autovelox del Comune e della Città metropolitana di Venezia

Strada con autovelox
 

Da venerdì 21 aprile in funzione i nuovi autovelox del Comune e della Città metropolitana di Venezia

20/04/2017

Terminata la fase di sperimentazione, dalle 00.01 di domani, venerdì 21 aprile 2017, entreranno in funzione i cinque nuovi dispositivi elettronici per il controllo della velocità posizionati dal Comune di Venezia e di quello posizionato dalla Città Metropolitana di Venezia. Nei giorni scorsi il Comune e la Città Metropolitana hanno completato l'installazione dei segnali di preavviso previsti dalla normativa e quelli indicanti il limite di velocità massimo da tenere per non incorrere in sanzioni.

Nel dettaglio, per i due autovelox che si trovano sulla prosecuzione del Ponte della Libertà, uno sotto il cavalcavia di via Torino e l'altro prima dell'ingresso in via Pacinotti, il limite orario sarà di 70 Km/h, mentre per i tre autovelox sulla Strada Regionale 14 - nei due sensi di marcia dei tunnel di via Martiri della Libertà, tra San Giuliano e Treviso e il terzo dopo il cavalcavia oltre via Pasqualigo, verso la rotatoria del Terraglio - il limite è di 90 Km/h.

Per quanto riguarda infine l'autovelox di competenza della Città Metropolitana e collocato lungo la SP81 al chilometro 7+315 in Comune di Venezia, il limite di velocità è pari a 70Km/h.

“Con l'avvio dei cinque nuovi punti Autovelox – commenta l'Assessore comunale alla Mobilità Renato Boraso - si concretizza il percorso concertato tra Prefettura, Comune di Venezia e Veneto Strade teso a mettere in sicurezza alcuni punti delicatissimi della nostra viabilità, come i passaggi pedonali posti fronte Fincantieri e via Martiri della Libertà, dove le vittime della strada si contano a decine. L'obiettivo è far rispettare i limiti di velocità con il solo fine di mettere in atto ogni misura che vada nella direzione di tutelare la sicurezza per i nostri concittadini”.

“Il posizionamento del dispositivo elettronico per il controllo della velocità posizionato dalla Città Metropolitana in un tratto di strada tra i più pericolosi – commenta il consigliere metropolitano delegato ai trasporti, Giorgio Babato - persegue l’obiettivo di garantire un’efficace azione preventiva di contrasto al fenomeno dell’incidentalità legato agli eccessi di velocità. Già i dati raccolti durante il periodo di pre-esercizio sperimentale hanno evidenziato una sensibile diminuzione delle velocità, confermando quindi quanto importante sia la loro installazione”.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top