Al via oggi l'abbattimento dei “cubi” al Parco Albanese - Bissuola

Ruspe in azione per abbattere i "cubi"
 

Al via oggi l'abbattimento dei “cubi” al Parco Albanese - Bissuola

03/02/2017

È iniziato questa mattina al Parco Albanese di Mestre, alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e degli assessori comunali ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, e alla Sicurezza, Giorgio D'Este, l'abbattimento dei “cubi”, le strutture di cemento armato in piazza Divisione Acqui, vicino al Centro civico, che, negli ultimi tempi, venivano spesso utilizzate dagli spacciatori per nascondere le sostanze stupefacenti.

“Far rivivere la città: è questo il nostro desiderio più grande, – ha esordito il sindaco. Questo è l'obiettivo che ci siamo posti e al quale sono rivolte tutte le nostre azioni. Però, per poter essere realizzato, ha bisogno dell'aiuto di tutti. L'errore da evitare è restare immobili, non fare nulla: c'è bisogno di fare, di scendere in campo e mettersi in gioco in prima persona. Chi protesta e basta non è utile a nessuno. L'abbattimento dei “cubi” rappresenta oggi il fallimento di una certa ideologia, che pensava fosse sufficiente costruire strutture per creare socialità. La cosa più difficile invece è proporre il contenuto: il partecipare alla cosa pubblica, il saper rispettare gli altri senza offenderli per forza, anche se non la pensano come te. Chiediamo a tutti i cittadini di essere protagonisti, di riappropriarsi degli spazi riempiendo i parchi, le strade, le piazze, di partecipare in modo costruttivo e propositivo alla rinascita della città”.

Già nei giorni scorsi gli operai della ditta Zago di Ceggia, che si è aggiudicata l'appalto per circa 62mila euro, avevano transennato l'area e iniziato e rimuovere le coperture in ferro coperte dai graffiti dei writer. I lavori, che dovrebbero durare circa quaranta giorni, maltempo permettendo, porteranno all'abbattimento di tre dei “cubi” presenti e delle due rampe di scale che portano alla passerella sopraelevata, mentre non sarà abbattuta la struttura più vicina all'ingresso al Parco da via Po, che ospita la cabina elettrica dell'Enel. Una volta demolite le strutture e portate via le macerie, la ditta si occuperà poi di ripristinare la pavimentazione in “ghiaino lavato”. Concluso lo smantellamento dei “cubi” saranno installati in piazza Divisione Acqui 8 proiettori a led ad alta efficienza luminosa che consentiranno di illuminare e rendere quindi più sicure anche le aree ora più nascoste e in ombra, spesso preferite per lo spaccio.

“È un momento importante – ha sottolineato Zaccariotto – dal punto di vista della sicurezza, perché abbiamo dato una risposta ad una situazione di degrado che creava grossi problemi sia ai residenti che ai cittadini abituati a frequentare il parco. È inoltre una dimostrazione della capacità operativa di questa Amministrazione, che ha fatto proprie le esigenze espresse dai cittadini dando loro risposte concrete per garantirne la sicurezza”.

Per il 2017 sono previsti inoltre al Parco Albanese interventi per un totale di 145mila euro, suddivisi tra la manutenzione programmata del verde,  riqualificazione delle aree verdi, manutenzione ordinaria degli impianti , infrastrutture e arredi. È previsto infine il rifacimento della pavimentazione e l'illuminazione del campo sportivo di pallacanestro.

Sul fronte della sicurezza, il Parco Albanese è da oltre un anno oggetto di controlli costanti da parte della Polizia locale, sia di carattere preventivo che repressivo. Ad operare quotidianamente è il personale del Nucleo di Polizia giudiziaria in abiti civili, con il compito di individuare e bloccare in flagranza spacciatori e clienti; personale della task force antidegrado interservizio (Sicurezza urbana, Sezioni territoriali, Reparto motorizzato), in divisa e a bordo di veicoli con i contrassegni di Polizia; squadre cinofile con operatori in divisa. In poco più di un anno sono stati effettuati 114 servizi - 71 dalle squadre cinofile, 21 dalla task force, 22 dalla Polizia giudiziaria - che hanno portato al sequestro di oltre 4 chili e mezzo di sostanze stupefacenti e al fermo in flagranza di 14 spacciatori.

L'abbattimento dei "cubi" diventa così un'ulteriore dimostrazione di quanto l'Amministrazione comunale creda e si stia impegnando nella lotta al degrado e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top