Le rassegne di settembre e ottobre in Casa del Cinema

Rassegne Casa Cinema
 

Le rassegne di settembre e ottobre in Casa del Cinema

17/09/2018

Dopo la pausa estiva il 17 settembre riapre la Casa del Cinema che, proprio quest’anno a settembre, compie dieci anni.

La nuova stagione si presenta ricca, con ben quattro rassegne che continuano per tutto il mese di ottobre. Si inizia con Manoel de Oliveira, si prosegue con Musica per gli occhi - Il musical americano“Three amigos”: l’assalto messicano a Hollywood e La lezione dei fratelli Taviani. Poi, come di consueto, tanti Incontri con gli autori.

La prima rassegna porta il nome dell’autore a cui è dedicata Manoel de Oliveira. Un omaggio al grande regista portoghese, nato 110 anni fa e morto nel 2015 a 106 anni, come ricorda Vincenzo Patanè che ha curato il programma. Un autore prolifico ed eclettico, poetico e visionario, vincitore di molti premi nei festival più importanti e di due Leoni d’oro alla carriera. La Casa del Cinema propone nove titoli scelti tra i film realizzati dopo il 1995, “un periodo in cui de Oliveira, pur continuando a creare un cinema denso e mai banale, si è aperto a un pubblico più ampio”, ricorda Patanè. Porto della mia infanzia e Singolarità di una ragazza bionda (lunedì 17 settembre), La lettera (lunedì 24 settembre), Bella sempre (venerdì 28 settembre, presentazione alle ore 17, proiezione a seguire), Ritorno a casa (lunedì 1 ottobre), I misteri del convento (lunedì 8 ottobre), Un film parlato (lunedì 15 ottobre), Il quinto Impero – Ieri come oggi (lunedì 22 ottobre), Specchio Magico (lunedì 29 ottobre). Proiezioni in versione originale con sottotitoli italiani, alle ore 17.30 e 20.30.

Musica per gli occhi - Il musical americano è un’immersione nel genere forse più connotato della cinematografia americana. Con il musical, ricorda Paolo Dalla Mora curatore della rassegna, prende vita il cinema sonoro (Il cantante di jazz, 1927) che dunque “per nascita e favore del pubblico ha contribuito, insieme al western, alla creazione, diffusione e realizzazione del mito americano”. In calendario sette titoli per restituire una panoramica che dagli anni Trenta arriva ai Duemila. Si parte con Cappello a cilindro (martedì 18 settembre) e si prosegue con Cantando sotto la pioggia (martedì 25 settembre), Cabaret (martedì 2 ottobre), Hair (martedì 9 ottobre), Dick Tracy (martedì 16 ottobre), Chicago (martedì 23 ottobre) e, infine, La La Land (martedì 30 ottobre). Proiezioni in versione originale con sottotitoli italiani, alle ore 17.30 e 20.30.

Con la rassegna “Three amigos”: l’assalto messicano a Hollywood la Casa del Cinema propone tre grandi registi messicani, sbarcati felicemente nella capitale dei sogni vincendo l’Oscar: Alfonso Cuarón, Alejandro Gonzáles Iñárritu e Guillermo Del Toro. Tre autori che “rappresentano il culmine del cinema messicano”, ricorda Matteo Polo nel pezzo di presentazione della rassegna. Tutti i film proposti hanno vinto diversi premi, non solo in America, e tutti uniscono a un’intensa visionarietà una grande tecnica narrativa. I figli degli uomini di Alfonso Cuarón (giovedì 20 settembre), Babel di Alejandro Gonzáles Iñárritu (giovedì 27 settembre), Il labirinto del fauno di Guillermo Del Toro (giovedì 4 ottobre), Gravity di Alfonso Cuarón (giovedì 11 ottobre), Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza) di Alejandro Gonzáles Iñárritu (giovedì 8 ottobre), La forma dell’acqua di Guillermo Del Toro (giovedì 25 ottobre). Proiezioni alle ore 17.30 e 20.30.

Ultima rassegna a partire, ma non ultima per gusto e raffinatezza, La lezione dei fratelli Taviani ci riporta in Italia e in un cinema riflessivo, sempre sulle barricate. L’omaggio è a due registi che hanno segnato il cinema con grande stile: Paolo e Vittorio (che ci ha lasciato ad aprile di quest’anno) Taviani. Nel loro cinema “i temi ‘politici’…, il realismo delle azioni e delle ambientazioni, la matrice storica e letteraria dei soggetti, sono stati sempre sviluppati in maniera efficace...”, sottolinea Davide Terrin presentando i titoli in calendario, scelti tra quelli del primo periodo, dal 1962 al 1982. Un uomo da bruciare (mercoledì 19 settembre), I sovversivi (mercoledì 26 settembre), Sotto il segno dello scorpione (mercoledì 3 ottobre), San Michele aveva un gallo (mercoledì 10 ottobre), Allonsanfan (mercoledì 17 ottobre), Padre padrone (mercoledì 24 ottobre), La notte di San Lorenzo (mercoledì 31 ottobre). Proiezioni alle ore 17.30 e 20.30.

Gli Incontri con gli autori completano il programma con approfondimenti su temi e personaggi.

Venerdì 21 settembre presentazione del libro Veneto 2000: il cinema (Marsilio Editori, 2018) a cura di Antonio Costa, Giulia Lavarone e Farah Polato che saranno presenti. A seguire proiezione del film Piccola Patria (2013) di Alessandro Rossetto.

Venerdì 28 settembre ci sarà la presentazione della rassegna Manoel de Oliveira, a cura di Vincenzo Patanè, Donatella Perruccio Chiari, Vanessa Castagna e Josè Sasportes. Una riflessione sul cinema del grande maestro portoghese, cui seguirà la proiezione di Bella sempre (2006).

Venerdì 19 ottobre presentazione del libro El Giacometo desmissà (La Toletta Edizioni, 2018) di Franco Ferrari Delfino con illustrazioni di Giancarlino Benedetti Corcos. Con l’autore interverranno Roberto Ellero e Carlo Montanaro. Seguirà la proiezione del film Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova veneziano (1969) di Luigi Comencini.

Venerdì 26 ottobre in occasione dei sessant’anni dalla Legge Merlin, ci sarà la presentazione del libro La prostituzione a Venezia nell’Ottocento. Le dominazioni straniere (1797-1866) (Hevetia Edizioni, 2015) di Elisabetta Tiveron. Saranno presenti l’autrice e Daniela Spagnol. A seguire proiezione del film Adua e le compagne (1960) di Antonio Pietrangeli.

Tutte le rassegne sono riservate ai soci CinemaPiù, mentre Gli incontri con gli autori sono a ingresso libero. Per tutti gli appuntamenti prenotazione consigliata, telefonando i giorni stessi delle proiezioni dalle ore 9 al numero 0412747140.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top