Prorogate sino al 21 ottobre le mostre della “Primavera a Palazzo Fortuny”

 

Prorogate sino al 21 ottobre le mostre della “Primavera a Palazzo Fortuny”

18/07/2018

    A Palazzo Fortuny, visto il costante apprezzamento da parte di critica e pubblico, sono state prorogate sino al 21 ottobre  le mostre “La Stanza di Zurigo-Omaggio a Zoran Music” e “Una Collezione italiana – Opere della collezione Merlini.

    Il percorso espositivo si apre al piano terra con “La Stanza di Zurigo Omaggio a Zoran Music”, attraverso la quale viene restituita finalmente al pubblico la “stanza di Zoran”, realizzata nel 1950 da Zoran Music su commissione delle sorelle Charlotte e Nelly Dornacher per la decorazione del seminterrato della loro villa nei pressi di Zurigo.
Dopo anni di incuria e abbandono la stanza è stata recuperata: l'ensamble, vero e proprio esempio di “opera d’arte totale”, oltre alle pitture su intonaco, tela di lino e juta, comprende anche motivi decorativi ricamati sulle tende e sulla tovaglia che ornavano la sala e alcuni mobili. A ciò si aggiunge anche un’ampia e accurata selezione di opere realizzate da Music tra il 1947 e il 1953, curata da Daniela Ferretti e promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia con il sostegno di “Charlotte und Nelly Dornacher Stiftung”.

    Al primo e al secondo piano del Palazzo viene invece presentata la Collezione Merlini, una tra le maggiori raccolte private d’arte specializzate sul Novecento nazionale, offerta dai curatori, Daniela Ferretti e Francesco Poli, in piena sintonia con lo spirito del collezionista. Nucleo centrale della Collezione, e della mostra, è proprio “La stanza del Collezionista”, in cui viene riproposto, arredi compresi, uno degli ambienti di casa Merlini: quello che riflette maggiormente le passioni del Collezionista, che ha voluto riunire, in questa stanza, una sequenza spettacolare di opere di Fontana, accanto alla “Madre” di Wildt, opera che lo scultore tenne per se stesso, e a due capolavori assoluti di Melotti, tra cui Teorema”.

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top