Residenzialità: la Giunta stanzia oltre 7 milioni per il recupero di appartamenti pubblici

logo Ca' farsetti
 

Residenzialità: la Giunta stanzia oltre 7 milioni per il recupero di appartamenti pubblici

09/05/2018

La Giunta del Comune di Venezia ha previsto lo stanziamento di 7.250.000 euro per il recupero di 168 appartamenti inseriti nel patrimonio della residenza pubblica. La somma è stata ricavata dopo il via libera alla variazione di bilancio di previsione per gli esercizi finanziari 2018-2020 che movimenta circa 19 milioni di euro da utilizzare per la spesa corrente e quella di investimento. L’ingente somma recuperata a favore dell'edilizia popolare è frutto dei buoni risultati conseguiti con il rendiconto di gestione 2017 che ha consentito di procedere a questa variazione e ottimizzare le fonti di finanziamento favorendo una serie di investimenti.

“L’estate prossima uscirà un primo bando pilota per assegnare più di 50 appartamenti da destinare a giovani coppie in regime di social housing – spiegano l’assessore alle Politiche abitative Luciana Colle e l’assessore alla Coesione sociale Simone Venturini. Si tratta di un’operazione che testimonia la grande importanza che questa Amministrazione comunale riconosce al tema della residenza pubblica e che fornisce risposte concrete alle richieste della città. In questo modo diamo risposte a chi continua a chiedere che l’Amministrazione faccia qualcosa per la residenza in centro storico e isole. Ci sembra una risposta concreta a queste continue sollecitazioni del territorio. Abbiamo già iniziato a fare i sopralluoghi negli alloggi che già sono stati restaurati alla Giudecca, Castello e continueremo in questo tipo di verifica per visionare i 168 appartamenti da sistemare e verificare chi utilizza quelli assegnati. 

Uno stanziamento di fondi così importante – continuano Colle e Venturini - conferma la volontà di riqualificare l’intero patrimonio immobiliare comunale della città storica e delle isole lasciato deperire per molti anni, creando così un corto circuito nel meccanismo di assegnazione in base  alle graduatorie. Quello che si è assunto di rispettare questa Giunta, è un impegno finanziario e amministrativo senza precedenti che ha l’obiettivo principe di rendere assegnabili entro il 2020 tutte le case di proprietà comunali distribuite a Venezia e nelle isole. Analoghe strategie le stiamo pianificando per quanto riguarda la terraferma dove già stiamo lavorando e dove già sono stati fatti importanti investimenti da questa amministrazione. A breve presenteremo, come per la città storica e le isole, gli interventi previsti”.

Le case in questione sono di un’ ampiezza tra i 60 e i 100 metri quadri, di cui 32 (10 isole, 22 città storica) Erp e 136 non Erp così distribuiti: 18 Burano-Sant’Erasmo, 12 Cannaregio-Santa Marta, 14 Castello, 10 Dorsoduro-Santa Croce, 24 Giudecca, 17 Lido-Pellestrina, 26 Murano, 15 Sacca Fisola.

L’intenzione dell’Amministrazione comunale è quella di rendere, entro il 2020, disponibili e assegnabili tutti gli appartamenti che per anni sono rimasti chiusi perché inagibili e senza manutenzione. 

La manutenzione e la sistemazione di questi 168 appartamenti si aggiunge al lavoro già svolto tra il 2015 e il 2017 su altri 91 alloggi di proprietà comunale che hanno previsto un investimento di 3.486.000 euro. Secondo il piano dell’Amministrazione comunale entro il 2020 gli alloggi resi disponibili e assegnabili saliranno ad un numero di 357 appartamenti pari ad un impegno economico di 10.736.000 euro. 

La variazione di bilancio che comprende anche i 7.250.000 euro previsti per il risanamento di 168 alloggi di edilizia popolare nei prossimi giorni verrà esaminata dalle Commissioni competenti, dalla Municipalità e quindi passerà al voto del Consiglio comunale.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top