La vicesindaco Colle all’11. Edizione della Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo

Giornata della memoria dei giornalisti
 

La vicesindaco Colle all’11. Edizione della Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo

03/05/2018

La vicesindaco di Venezia, Luciana Colle, è intervenuta questa mattina, giovedì 3 maggio, nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, all’11. edizione della Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, promossa dall’Unione nazionale cronisti italiani e organizzata dal Sindacato giornalisti Veneto, in collaborazione con l’Ordine regionale dei Giornalisti del Veneto. L'incontro, che nelle precedenti edizioni si è svolto in varie città d'Italia, ha lo scopo di ricordare i giornalisti che si sono sacrificati per la libertà di stampa e per manifestare vicinanza e solidarietà ai colleghi che subiscono intimidazioni e minacce.

In apertura i cronisti hanno anche ricordato l’attentato a Palazzo Ca’ Faccanon, allora sede del Gazzettino in Calle delle Acque, che costò la vita alla guardia giurata Franco Battagliarin: “Quest'uomo è stato ucciso da chi voleva colpire il mondo dell'informazione e della libertà di stampa – ha precisato la vicesindaco Colle – e la sua unica colpa è stata quella di essere stato al servizio della sicurezza di chi faceva informazione. Perciò questa giornata deve servire per onorare chi non c'è più e per sottolineare il valore della libera informazione e dell'importanza del ruolo del giornalista. Il cronista deve infatti saper discernere tra le tante fake news che ci sono in rete e che spesso creano solo falsi allarmismi. Vi auguro quindi che sappiate trasformare sempre di più la vostra penna, la vostra telecamera, il vostro microfono in strumenti di verità. Questo è il miglior modo per rendere omaggio a chi, in nome della verità e della libertà, ha perso la vita”.

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top