Intesa al Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica sul calendario estivo per la gestione dei flussi turistici

deviazione flussi
 

Intesa al Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica sul calendario estivo per la gestione dei flussi turistici

28/05/2018

Il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, riunitosi oggi con la partecipazione del Viceprefetto Vicario, del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, dei rappresentanti delle Forze dell'Ordine e della Capitaneria di Porto, unitamente al Provveditore Interregionale per le Opere Pubbliche, ha esaminato e condiviso per la stagione estiva, dal 1 giugno al 2 settembre p.v., il calendario delle giornate di maggiore criticità nelle quali il Comune e gli altri Enti competenti potranno adottare, con gradualità, i provvedimenti ritenuti opportuni per una gestione sicura, anche sotto il profilo dell'ordine e della sicurezza pubblica, dei flussi turistici.

L'iniziativa segue la sperimentazione attutata nel fine settimana del 1° maggio scorso e sarà oggetto di continuo monitoraggio, al fine di poter adattare tempestivamente le misure programmate all'effettivo andamento degli arrivi turistici ed all'evolversi della complessiva situazione di sicurezza della città.

Più precisamente, sono state identificate 55 giornate “speciali”, contraddistinte con tre bollini, di differente colore a seconda degli interventi previsti, sulla base dell'analisi storica delle presenze in città:

Bollino giallo: presenza degli steward e totem direzionali, con disponibilità di transenne per la gestione temporanea dei flussi in caso di necessità valutata dalla Polizia Locale (09-10, 16-17, 23-24, 30 giugno e 1, 7-8 luglio, 25-26 agosto)

Bollino rosso: presenza degli steward e totem direzionali, con allestimento dei varchi presso Ponte della Costituzione e Lista di Spagna per la gestione dei flussi, in caso di necessità valutata dalla Polizia Locale (13-20, 23-27, 30-31 luglio, 01-03, 06-10, 13-17 agosto e 1-2 settembre)

Bollino nero: presenza degli steward e totem direzionali, con allestimento dei varchi presso Ponte della Costituzione e Lista di Spagna per la gestione dei flussi, in caso di necessità valutata dalla Polizia Locale, e obbligo di sbarco alle Fondamenta Nove per i “lancioni gran turismo” provenienti dai Comuni di Cavallino-Treporti, Jesolo, Musile di Piave, Quarto d'Altino (01-03 giugno, 21-22 e 28-29 luglio, 04-05, 11-12 e 18-19 agosto)

Particolari ordinanze, come ogni anno, saranno emanate in occasione dei due eventi tradizionali del calendario veneziano, quali la Festa del Redentore del 14 luglio e la Regata Storica del 2 settembre p.v. e nell'eventualità si dovessero verificare situazioni d'emergenza non preventivabili.

“La scelta è stata quella di definire per tempo un calendario di giornate, contraddistinte da bollini di colore diverso, che permettano a chi sta programmando una visita a Venezia e nelle isole di scegliere il periodo meno affollato – spiega il sindaco Luigi Brugnaro – Un lavoro fatto in sinergia con Prefettura, Forze dell'Ordine e tutte le Istituzioni presenti al Comitato, a tutela della città e di chi vive e lavora a Venezia. È il massimo che le attuali norme ci consentono di attuare".

“Nessun tornello – conclude Brugnaro - ma varchi presidiati per un totale di 43 giorni per rispondere all'esigenza, non più prorogabile, di gestire i flussi di turisti, come già previsto nel piano presentato all'UNESCO nel gennaio 2017. Abbiamo il coraggio, a differenza del passato, di sperimentare nuovi sistemi che permettano di conciliare la vita dei residenti e dei lavoratori con quella di migliaia di ospiti provenienti da tutto il mondo. Sistemi che, con umiltà, mettiamo a disposizione del Ministero per il “Piano strategico nazionale del turismo”.

Si invitano tutti i soggetti interessati a dare pronta comunicazione al calendario predisposto, preso atto che il primo “bollino nero” sarà già il prossimo weekend 1/3 giugno.

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top