59 manifestazioni di interesse per l'area di crisi industriale complessa di Venezia

porto marghera
 

59 manifestazioni di interesse per l'area di crisi industriale complessa di Venezia

23/04/2018

Sono 59 le manifestazioni di interesse a investire in tutto il territorio del Comune di Venezia presentate per l’area di crisi complessa a seguito della Call promossa dal Ministero dello Sviluppo economico, Regione del Veneto, Invitalia e Comune di Venezia, nell’ambito del Progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area, lanciato con l’obiettivo di definire i fabbisogni di investimento industriale, di tutela ambientale e di innovazione dell’organizzazione delle imprese.

“L’importante risposta del mondo dell’imprenditoria alla Call - ha dichiarato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro – conferma la capacità di Venezia, ed in particolare di Porto Marghera, di attirare nuove iniziative economiche e conseguenti nuovi posti di lavoro. É importante ora che il Governo capisca le potenzialità del sito prevedendo incentivi economici a sostegno delle proposte per il recupero di un territorio che per troppi anni è stato abbandonato. Un sincero ringraziamento va alla Regione con la quale stiamo collaborando al fine di rilanciare un’area strategica non solo per Venezia, ma per tutto il Veneto”.

La Call ha intercettato un cospicuo numero di progetti riconducibili alla grande impresa. I settori che esprimono una maggiore domanda di investimenti e occupati sono il manifatturiero e la logistica (trasporto e magazzinaggio). Una progettualità, finanziariamente significativa, è finalizzata a incrementare l’efficienza e la produttività dei locali cantieri navali in una logica di miglioramento anche dell’impatto ambientale della produzione. Il 30% dei progetti prevedono investimenti inferiori ad 1,5 milioni, mentre prevalgono le proposte di dimensione compresa tra 1,5 e 20 milioni di euro.
Da una prima analisi, le manifestazioni che potrebbero rientrare nel campo di applicazione della legge 181/89, e che individuano progetti di investimento potenzialmente cantierabili, sono 5. Sono in corso, pertanto, gli approfondimenti necessari per la definizione degli strumenti agevolativi e delle risorse finanziarie che saranno attivati e resi disponibili sul territorio.
“Il lavoro svolto in questi mesi ci ha consentito di verificare l’alto grado di attrattività del territorio veneziano, con particolare riferimento a Porto Marghera – commentano gli assessori regionali Elena Donazzan (Lavoro) e Roberto Marcato (Sviluppo economico) - Questo risultato deriva dalla fondamentale collaborazione garantita da tutte le Istituzioni nazionali e locali, Invitalia e le parti sociali ed economiche interessate”.

 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top