Presentato il Progetto Grest 2018 con la nuova app “Jump”

logo Grest 2018
 

Presentato il Progetto Grest 2018 con la nuova app “Jump”

14/03/2018

Questa mattina, mercoledì 14 marzo, nella sala riunioni di Villa Querini a Mestre, l’assessore comunale alla Coesione sociale, Simone Venturini, ha aperto la conferenza stampa di presentazione del Progetto Grest 2018, insieme a don Fabio Mattiuzzi del Coordinamento della Pastorale dei ragazzi, che vedrà la collaborazione tra il Comune di Venezia, la Diocesi e le associazioni locali aderenti al progetto. “Dobbiamo ringraziare i giovani della nostra città – ha esordito l’assessore Venturini – perché sono impegnati su tanti fronti ed è giusto mettere in evidenza quanto di buono viene fatto. In questo caso il mio ringraziamento va soprattutto ai tanti animatori del Grest, perché senza di loro questo progetto non avrebbe il grosso successo che ha. Anche per questo, da parte dell’Amministrazione comunale, va il giusto riconoscimento a questa attività”.

Quest’anno per i ragazzi del Grest ci sarà una novità, ovvero “Jump”, un’app gratuita che contiene i video e le canzoni del centro estivo, pensata dalla Pastorale giovanile della Diocesi di Venezia. L’app sostituisce il sussidio che in passato veniva consegnato agli animatori: “Questo per noi è molto importante – spiega don Fabio Mattiuzzi – perché possiamo raggiungere in modo capillare tutti, anche i genitori, coinvolgendoli nelle attività e nei contenuti del Grest”. Quest’anno saranno impegnate circa un centinaio di parrocchie, con il coinvolgimento di circa 5.000 ragazzi tra i 6 ed i 13 anni e un migliaio, tra i 14 ed i 19 anni, che fungeranno da animatori. Inoltre, per i ragazzi che vorranno aderire come animatori, c’è la possibilità di partecipare a “Open Space”, lo stage formativo che si terrà a San Liberale di Marcon il 2 e 3 giugno, su iniziativa dell'associazione “Animazioni in corso”.

“Questo progetto – ha concluso Venturini – nasce dal mondo cattolico, ma deve essere visto come un'ulteriore opportunità che viene offerta alla città, e non certo come un'iniziativa antagonista ai Centri estivi organizzati dal Comune, in quanto riempie un vuoto che comunque ci sarebbe. Ecco perché abbiamo deciso di rinnovare il contributo dello scorso anno, 20mila euro, e di offrire collaborazione per la buona riuscita della manifestazione, come ad esempio la possibilità, per i bambini con disabilità, di avere, in continuità con l’attività scolastica, un accompagnatore”.

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top