La Giunta comunale ha approvato il Programma Triennale delle Attività 2018-2020 e i Disciplinari tecnici previsti dal Contratto di servizio con Venis. Zuin: "Manteniano la stessa qualità dei servizi senza sprecare risorse"

Logo comune
 

La Giunta comunale ha approvato il Programma Triennale delle Attività 2018-2020 e i Disciplinari tecnici previsti dal Contratto di servizio con Venis. Zuin: "Manteniano la stessa qualità dei servizi senza sprecare risorse"

14/03/2018

 

La Giunta comunale ha approvato, su proposta del sindaco Luigi Brugnaro, la delibera sul Programma Triennale delle Attività 2018-2020 per la gestione del Sistema Informativo comunale in applicazione delle previsioni del Contratto di servizio con Venis Spa rinnovato lo scorso dicembre.

“Con la decisione di rinnovare il contratto per i prossimi 5 anni con la società in house – commenta l'assessore alle Partecipate Michele Zuin - la Giunta non solo dimostra che, a fronte di un’analisi di congruità economica di Venis, questa è la soluzione più adatta ad assicurare la maggiore efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa per i servizi da implementare, ma anche che, se il Comune affidasse gli stessi servizi al mercato esterno, spenderebbe circa il 15% in più l’anno che equivarrebbero a oltre 800mila euro che in questo modo potranno essere destinati ad altri progetti. Ad esempio un controllo più attento dei costi telefonici ha generato un risparmio del 30% in due anni. Dal nostro insediamento la spesa è passata dal 1.048.265 euro del 2015 a 755.212 euro del 2017. Un’ulteriore dimostrazione di come, gestendo il denaro pubblico con oculatezza si può mantenere la stessa qualità dei servizi senza sprecare risorse”.

“Per dare un’idea del volume delle attività che Venis ha gestito durante il 2017 – commenta l’amministratore Unico di Venis, Paolo Bettio - è emerso che sono stati quasi 30.000 gli interventi eseguiti sulle 180 sedi comunali, fra uffici, scuole e varie sedi del Comune. Sempre per rimanere in tema di numeri, sono 135 i servizi informatici gestiti di cui circa 50 servizi online per cittadini e imprese. Il data Center Venis per il Comune e le sue aziende partecipate gestisce quasi 1.000 server ed è interessante – continua Bettio – sottolineare come, secondo la Polizia Postale, nonostante nell’ultimo anno gli attacchi informatici si sono quintuplicati (28.500 alert e 1.006 attacchi), nessun incidente o danno è stato subito dal datacenter del Comune. Questo è stato reso possibile grazie ad elevati gradi di sicurezza logica e fisica, a sistemi presidiati h24 365 giorni all'anno, ed al fatto che il nostro è l’unico data center pubblico di un’amministrazione locale con Certificato TIERIII che attesta la continuità del servizio al 99,982%. Per quanto riguarda la fibra ottica pubblica– aggiunge Bettio - Venis gestisce i 127 km di dorsale ottica a 144 fibre articolati attraverso 243 punti di giunzione o derivazione ed estesi verso le isole tramite 9 ponti radio punto-punto, 11 impianti di diffusione radio punto-multipunto e 282 hot spot WIFI pubblico per 81.000 utenti registrati. E non solo, commenta Bettio, ricordando che la società conta 84 dipendenti con alta specializzazione e gestisce il centralino del Comune con oltre 60mila chiamate l’anno: con l’approvazione di questo nuovo contratto si definisce il perimetro delle attività per i prossimi 5 anni garantendo un orizzonte ampio e sostenibile di sviluppo per l’azienda e le sue funzioni. I disciplinari che si andranno a sottoscrivere relativi al contratto potranno implicare una revisione della microstruttura interna per far fronte ai nuovi livelli di servizio attesi. Inoltre – conclude Bettio - grazie ai finanziamenti del Pon Metro nei prossimi mesi ci saranno delle importanti novità per i cittadini. Tra queste lo Smart Parking, il parcheggio intelligente che tramite una app ti consente, tra le altre cose, di individuare il posto libero. Un’iniziativa fortemente voluta dal sindaco Luigi Brugnaro, coordinata da Venis in collaborazione con Avm, che al momento è in fase di test e che entro l’estate sarà attiva su oltre 2000 stalli.”

"Venis progetta, realizza e gestisce anche la rete di videosorveglianza urbana e del traffico con 167 telecamere e 39 celle/punti di rilevazione per la videosorveglianza del traffico acqueo - ricorda Luca Battistella delegato alla Smart City - questa infrastruttura garantisce la trasmissione della videosorveglianza è indirizzata alle postazioni operative del COTV Polizia Municipale, al Centro Interforze Piazza San Marco, alla Centrale Operativa Comando provinciale Carabinieri e alla Centrale Operativa Polizia di Stato”.

“Siamo orgogliosi che il Comune ci abbia rinnovato la sua fiducia e anche che sia stato certificato da soggetti indipendenti la bontà e l’economicità per i cittadini del nostro lavoro. Il nuovo contratto con il Comune, insieme alla Deliberazione del Consiglio metropolitano n. 29 del 21/12/2017 che approva l’ingresso della Città Metropolitana di Venezia nel capitale azionario di Venis e il grande lavoro che ci è stato affidato dal programma PON METRO   – commenta la direttrice generale Alessandra Poggiani - rappresenta una grande responsabilità che vogliamo onorare al meglio con le 84 persone che tutti i giorni lavorano con grande professionalità per innovare le strutture della città e offrire servizi migliori ai cittadini”.
 

allegati: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top