Rete biblioteche: oltre 50 appuntamenti in programma fino all’1 dicembre

Venturini, Pea, Casarin e Vanin allka C
 

Rete biblioteche: oltre 50 appuntamenti in programma fino all’1 dicembre

30/08/2017

Cinque rassegne, un laboratorio, un gruppo di lettura, un concerto e un convegno, per un totale di oltre 50 appuntamenti: è davvero ricco e variegato il calendario delle proposte per il periodo autunno-inverno della Rete biblioteche del Comune di Venezia, presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta alla biblioteca civica Vez di Mestre, dall'assessore comunale alle Politiche giovanili, Simone Venturini, insieme alla presidente della Commissione consiliare Cultura, Giorgia Pea, al dirigente e alla responsabile delle biblioteche, Michele Casarin e Barbara Vanin.

“A quasi un anno dall’inizio della riorganizzazione del sistema bibliotecario del Comune di Venezia – ha esordito Venturini – il bilancio è sicuramente positivo”. L’assessore ha poi ricordato le tappe più significative del percorso, dall’affidamento ad un’unica regia della gestione delle 18 biblioteche della Rete, prima suddivisa tra nove diverse Direzioni, all’introduzione dei tornelli alla Vez per garantire una maggiore sicurezza agli utenti; dall'ampliamento dell'orario di apertura nei fine settimana e nella fascia serale all’apertura della Vez junior, cui seguirà a breve quella della Bettini junior a Venezia; dal raddoppio del fondo per gli acquisti librari, con la messa a disposizione dei quotidiani in tutte le strutture della Rete, all’apertura di nuove sale per il pubblico.  “Una riforma complessa – ha sottolineato Venturini – che ha permesso di fare molti passi avanti nella proposta di un’offerta culturale sempre più ampia e variegata”.

“C’è un nuovo angolo di luce in città, – ha aggiunto Pea riferendosi all’area che ospita Vez e Vez junior - un luogo piacevole dove è possibile coltivare con serenità propri interessi culturali. Grazie a tutte le persone che ogni giorno operano con passione e competenza in queste strutture. Questa era una zona delicata sul fronte del degrado: non tutti i problemi sono risolti, ma insieme si può fare molto e la cultura, in questo senso, può diventare un importante elemento di coesione sociale”.

Grande successo ieri, con oltre 130 partecipanti, per il primo appuntamento di “Amore e amori”, la nuova rassegna che fino al 29 novembre proporrà dodici incontri per esplorare tutte le dimensioni dell’amore. Seguirà, dal 12 al 29 settembre, in varie biblioteche della Rete, la rassegna “Il Veneto legge” (4 appuntamenti dal 12 al 29 settembre), con letture ad alta voce e incontri dedicati ad autori o testi veneti. Un atteso ritorno invece per “Voci dal Mediterraneo” (7 appuntamenti dal 20 settembre al 29 novembre alla Vez), la rassegna giunta ormai alla terza edizione, curata dai docenti e dagli studenti del Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea, che tradurranno, leggeranno ad alta voce e commenteranno le informazioni riportate dai mass-media di Paesi arabi, Iran, Israele e Turchia. Confermati anche gli incontri con gli scrittori locali di “Autori e autrici a km 0 - Venezia, Mestre e dintorni:... parole, memorie, consigli e guide” (9 appuntamenti dal 14 settembre al 25 ottobre, in varie biblioteche della Rete) e quelli di “Mesthriller 2017” per gli appassionati di libri gialli, noir e thriller (7 appuntamenti dal 2 al 23 novembre alla Vez).

Partirà il 27 settembre il gruppo di lettura “Il segnalibro”, 5 appuntamenti fino al 21 febbraio, guidati dall’attrice Margherita Stevanato, per condividere in gruppo pensieri ed emozioni suscitate dalla lettura (a numero chiuso, iscrizione obbligatoria scrivendo a eventi.bibliotecacivica@comune.venezia.it), mentre il laboratorio di lettura espressiva  “Voci, corpi e lettori”, con Silvia Piovan, proporrà 4 incontri, dal 2 al 30 ottobre alla Vez, per imparare ad animare le pagine leggendo ad alta voce. Un appuntamento speciale, nell’ambito delle celebrazioni per i cento anni di Porto Marghera, è in programma il 22 settembre alla Vez con il concerto di canzoni popolari di e con Gualtiero Bertelli “Andemo in fabrica. I canti di un territorio che si trasforma”. Chiuderà il calendario, l’1 dicembre al Centro culturale Candiani, il convegno “Crescere lettori, trasmettere passioni”: un’occasione per interrogarsi sul futuro delle biblioteche per ragazzi a partire dall’esperienza di Maria Pezzè Pascolato, pedagogista, scrittrice e insegnante veneziana che agli inizi del Novecento fondò la prima biblioteca per ragazzi italiana, e della quale alla Rete bibliotecaria resta oggi un fondo di circa 650 volumi per l’infanzia.

A margine della conferenza stampa, in risposta all’intervento di una delle volontarie che attualmente gestiscono alcune delle biblioteche del territorio comunale chiuse nel 2013, e attualmente escluse dal sistema bibliotecario, l’assessore Venturini ha infine ringraziato i volontari per il lavoro svolto finora preannunciando la volontà dell’Amministrazione di procedere a breve al riassorbimento di queste strutture nella Rete bibliotecaria comunale.

Per ulteriori informazioni visita le pagine della Rete biblioteche Venezia

Venezia, 30 agosto 2017

Argomenti: 

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top