Lotta alla zanzara

zanzara tigre
 

Lotta alla zanzara

20/06/2017

Basta seguire semplici regole per ridurre (eliminare è pressoché impossibile!) la presenza delle zanzare in città. La principale indicazione è di evitare i piccoli ristagni d'acqua, perché favoriscono la deposizione delle uova: vasi e sottovasi nelle terrazze e nei giardini, recipienti, vecchi copertoni, annaffiatoi devono essere tenuti asciutti, così come vanno cambiati con frequenza gli abbeveratoi degli animali domestici e da cortile. Nei ristagni d'acqua che non si possono controllare, come tombini e grondaie, è necessario inserire i prodotti antilarvali con la cadenza indicata sulla confezione. Fondamentale anche favorire la presenza e la nidificazione di specie animali autoctone predatrici di insetti, quali rondini, rondoni, pipistrelli, gechi e anfibi. Le femmine della specie Culex pipiens molestus, cioè la zanzara comune, depositano nell'acqua bassa fino a 200-300 uova, mentre la Aedes albopictus, la zanzara tigre che si è diffusa nelle nostre zone a partire dagli anni '90, arriva "solo" a 80.

Maggiori approfondimenti e numeri di riferimento per eventuali segnalazioni si possono trovare sul sito del Comune di Venezia: link alla pagina "Le zanzare".

Il Comune di Venezia e Veritas, in collaborazione con l'Ulss 3 Serenissima, hanno elencato una serie di regole di comportamento per ridurre il fastidio provocato da questi insetti in un volantino informativo scaricabile qui di seguito.

Unisciti al canale Telegram del Comune di Venezia

Top